Anonimo

Confessionale II

inizio XV sec., prosa, trattato religioso, volgarizzamento.
Incipit

Confessio debet esse previsa, zoè per alcuni iorni, innanti chi lu homu si confessa, si divi preponiri et apparichari, recogitandu tucti soy peccati chi avi commisu da poy chi si confessau per fina a quilla iornata chi si voli confessari

Explicit

Zoè in die dominico, oy altri iorni sollempni, oy festa comandata per la sancta Clesia; si fu secretu lu peccatu, oy manifestu ad altri persuni. Deo gracias. Amen.

 

Tradizione testuale: 1 ms.

  • 1.
    Pa BC 2 Qq A 4 = Palermo, Biblioteca Comunale, 2 Qq A 4, cc. 1r-19v; (seconda metà del XV sec.).

Edizioni di riferimento

  • Branciforti 1953 = Francesco Branciforti (a cura di), Regole, costituzioni, confessionali e rituali, Palermo, Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani, 1953 (Collezione di testi siciliani dei secoli XIV e XV, 3), pp. 132-153. Conf2XVB