Anonimo

Ave Maria (parafrasi)

metà XV sec., versi, poesia religiosa, volgarizzamento (< latino).
Incipit

Ave, Maria, ki si’ di lu chelu regina, / plena di gracia, tanta reluchenti; / cum ti è lu Signuri, stilla matutina

Explicit

per sua pietà, chi guarda di ogni reu / infini ki in quistu mundu nui stamu, / et poy in la sua gloria pervegnamu.

 

Tradizione testuale: 1 ms.

  • 1.
    Pa BCRS I C 20 = Palermo, Biblioteca Centrale della Regione Siciliana, I C 20, c. 4v; (seconda metà del XV sec.).

Edizioni di riferimento

  • Cusimano 1952 = Giuseppe Cusimano (a cura di), Poesie siciliane dei secoli XIV e XV, II, Palermo, Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani, 1952 (Collezione di testi siciliani dei secoli XIV e XV, 2), pp. 128-129. AveMariaXVC