Anonimo

Quaedam Profetia

terzo quarto del XIV sec., versi, poesia didattico-morale, opera originale.
Incipit

O Furtuna fallenti,   pirkì non si’ tuta una? / Affacchiti luchenti,   et poi ti mustri bruna; / non riporti a la genti   sicundo lor pirsuna

Explicit

in prosperu statu mittili   pir tua dispensattioni, / in quista vita dunali   sicundu lor pirsuni / in quilla vita premiali   di leta stattioni.

 

Tradizione testuale: 1 ms.

  • 1.
    Na BN V C 22 = Napoli, Biblioteca Nazionale "Vittorio Emanuele III" , V C 22, cc. cc. 167r-168v; (?).

Edizioni di riferimento

  • Cusimano 1951 = Giuseppe Cusimano (a cura di), Poesie siciliane dei secoli XIV e XV, I, Palermo, Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani, 1951 (Collezione di testi siciliani dei secoli XIV e XV, 1), pp. 23-30. QuaedProfXIVC

Altre Edizioni

  • Bozzo 1877 = Stefano Vittorio Bozzo, Una poesia siciliana inedita del XIV secolo. Studio paleografico, letterario e storico, in «Archivio storico siciliano», 2, 1877, pp. 41-81 e 172-194.
  • Cavaliere 1936 = Alfredo Cavaliere, La Quaedam profetia poesia siciliana del sec. XIV, in «Archivum Romanicum», 20, 1936, pp. 1-48.

Bibliografia

  • Naselli 1935 (a) = Carmelina Naselli, Studi di letteratura antica siciliana, Catania, Muglia, 1935, pp. 1-90.
     La «Quaedam Profetia» e la sua datazione, pp. 1-90.